La memoria della stupidità

7 02 2007

GIOVANNI RUSSO SPENA, senatore di Rifondazione Comunista, nel luglio 2005 parlo così del decreto Pisanu mirato all’inasprimento delle pene per gli ultrà: “Questo governo (Berlusconi) ha un’ossessione: reprimere ogni forma di conflitto sociale. Le misure adottate dal Consiglio dei ministri in tema di disposizioni antiviolenza negli stadi si muovono esclusivamente in questa direzione. Con le misure adottate si è deciso di utilizzare gli stadi come laboratorio. Come dire: oggi gli stadi, domani i cortei. L’istituzione della figura dello steward punta a militarizzare lo stadio attraverso figure civili. Il passo successivo è la militarizzazione della società”.

PESI MEDIA:  alla memoria queste parole verranno incise sulla lapide del poliziotto Raciti, mentre la società militarizzata prega affinché i Russo Spena e i Caruso vengano usati come cavie da laboratorio al posto dei criceti.
A quale fine? Individuare e sconfiggere i geni della miopia e della stupidità. 
Probabilità di successo? Ottime, in lor signori tali geni hanno dimensioni visibili ad occhio nudo.

Annunci