Madame Royal doveva ascoltare Prodi

5 02 2007

EVELYNE PATHOUOT, ex alter ego dell’attuale candidata socialista francese Ségolène Royal (il suo ruolo consisteva nell’eseguire nel feudo elettorale della Royal – le Deux Sèvres, circoscrizione della Francia occidentale – gli ordini che la deputatessa impartiva da Parigi): Ségolène Royal è una donna ambiziosa, calcolatrice e autoritaria, pronta a tutto per sedersi sulla poltrona più importante dello Stato. E’ superficiale e dispersiva, poco avvezza ad approfondire i propri dossier e a pronunciarsi su di essi in modo competente. Sono perplessa sulla sua campagna elettorale e provo anche una certa compassione. Conoscendola, ho l’impressione che si sia impegnata in un’impresa troppo grande per lei. Certamente non avrà il mio voto: la conosco troppo bene per non essere spaventata dall’idea che possa guidare la Francia.

PESI MEDIA:  madame Royal dovrebbe integrare nella sua strategia elettorale qualche cena di lavoro con Prodi. Eh sì, quest’ultimo ha cercato già 2 volte di impegnarsi in un’impresa troppo grande per lui, riuscendoci purtroppo. Gli italiani però non si spaventano mai abbastanza, masochisti fino in fondo. Vive la France!

Annunci




Liberiamo il Quebec!

24 01 2007

SEGOLENE ROYAL, candidata ufficiale del Partito socialista francese alle elezioni presidenziali della prossima primavera, incontrando a Parigi il leader separatista canadese André Boisclair, del Parti Québécois: vorrei il Quebec libero.

PESI MEDIA:  le foglie d’acero hanno posto le loro condizioni per il rilascio del Quebec: “Noi liberiamo il Quebec, voi ci rifornite a vita di paté Royal”. D’oca s’intende.





Mai dire égalité, fraternité, liberté

7 01 2007

SEGOLENE ROYAL, candidata socialista all’Eliseo parigino, durante una visita in Cina: provo un indefinibile senso di disgusto per l’esecuzione di Saddam Hussein.

PESI MEDIA:  le migliaia di condannati a morte cinesi – passati, presenti e futuri – sono disgustati dall’ipocrita indifferenza e dal cinico opportunismo di Madame Royal. Mai dire “Egalité, fraternité, liberté”.