D’Alema non vuole spostare i carrarmatini rossi in Afghanistan

23 05 2007

MASSIMO D’ALEMA, ministro degli Esteri, risponde così all’appello di Bush per l’invio di nuove truppe in Afghanistan:
“Le nostre forze armate si muovono sulla base delle decisioni delle Camere, non di altri”.

PESI MEDIA: da 1 anno a questa parte nelle Camere italiane è sempre più in voga un nuovo gioco, il Risikomunista. Vince chi ritira per primo tutti i suoi carrarmatini.





Fausto Bertinotti vuole esportare l’indulto in Israele

10 05 2007

FAUSTO BERTINOTTI, presidente della Camera, in visita al Parlamento palestinese:
“Da parte di Israele sarebbe un coraggioso atto di volontà la liberazione di tutti i prigionieri e detenuti palestinesi”.

PESI MEDIA: cercasi aspirante Mastella in kefiah per indulto in salsa kasher.





Gino Strada lancia un duro attacco a Prodi e D’Alema

31 03 2007

GINO STRADA, protagonista del rilascio del giornalista italiano Daniele Mastrogiacomo, sceglie una conferenza stampa per fare chiarezza sul ruolo di Emergency e per chiedere la liberazione di Rahmatullah Hanefi, mediatore per conto di Emergency per la trattativa del rilascio: 
“Emergency non intende pagare il prezzo di giochi, traffici ed alchimie politiche e se qualcuno ha da ridire, vorrei solo ricordare loro che gli interlocutori sono Prodi e D’Alema, che hanno raggiunto degli accordi e saranno quindi responsabili di ciò che potrà succedere a Rahmatullah, che ha trattato per conto del governo”.

PESI MEDIA: nella politica estera del governo Prodi le parole si fanno strada, specie quelle tenute nascoste.

Vota questo post in OKNOTIZIE





Franco Marini, il governo e le armi per i soldati in Afghanistan

26 03 2007

FRANCO MARINI, presidente del Senato, in merito al voto sul rifinanziamento della missione italiana in Afghanistan: I nostri soldati a Kabul vanno messi in condizione di svolgere al meglio il loro ruolo. Ed è un compito del nostro governo. Difendersi e poter agire per gli obiettivi che dentro l’alleanza sotto egida Onu vengano ritenuti più idonei“.

PESI MEDIA:  Prodi ha già ordinato dal suo rivenditore di fiducia in Cina 50 container pieni zeppi di fionde, petardi, fuochi d’artificio, pistole giocattolo, fiale puzzolenti, polveri pruriginose e spade laser alla Star Wars.





D’Alema, gli USA e i corsi d’inglese

23 03 2007

SEAN McCORMACK, portavoce del Dipartimento di Stato degli USA, in merito al rilascio in Afghanistan di 5 pericolosi terroristi talebani in cambio del giornalista Mastrogiacomo: Al momento dell’incontro con D’Alema, il segretario di Stato non era a conoscenza delle circostanze che hanno portato alla liberazione dell’ostaggio. Abbiamo timore di questo tipo di accordi: la preoccupazione è riferita al fatto che cinque pericolosi terroristi tornano ad imbracciare le armi. Ci aspettiamo che in futuro non vengano fatte concessioni“.

PESI MEDIA:  D’Alema do you speak english? 





Paolo Cento, la guerra e il terrorismo talebano

21 03 2007

PAOLO CENTO, sottosegretario all’Economia, ha risposto così all’obiezione di chi gli ricorda che i talebani hanno sgozzato l’autista di Mastrogiacomo: Purtroppo questo è il dramma, la tragedia della guerra e di chi risponde alla guerra. Guerra e terrorismo sono due facce drammatiche della stessa medaglia“.

PESI MEDIA:  anche Paolo Cento e l’opportunismo sono due facce della stessa medaglia. Alla vanagloria.





Piero Fassino a braccetto con Osama Bin Laden

18 03 2007

PIERO FASSINO, leader dei DS, sulla situazione della guerra in Afghanistan: Auspico che anche i Talebani possano sedere al Tavolo della pace“.

PESI MEDIA:  Fassino ricordi a D’Alema di allontanarsi dalla tavola quando i Talebani offriranno ai commensali un piatto tipico afghano. Pare che la ricetta sia esplosiva.