Un partito al giorno toglie Caruso di torno

22 02 2007

FRANCESCO CARUSO, deputato di Rifondazione Comunista e leader dei no-global del sud: “I partiti sono il male della democrazia, ridotti a cordate di comitati d’affari o agenzie di lavoro interinale per smistare le clientele. La cura? Sono i movimenti”.

PESI MEDIA:  a breve il no-global Caruso potrà curare la sua improvvisa partitofobia tornando a dimenarsi tutto il giorno in piazza e ad assaltare le sedi della Manpower.





Il noglobal Caruso e la vita da parlamentare

17 02 2007

FRANCESCO CARUSO, deputato di Rifondazione Comunista e leader dei no-global del sud, sulla sua vita da parlamentare della Repubblica: “Scappo dalla Camera quando ne ho la possibilità. Prediligo l’attività sociale al fianco dei movimenti al posto della marea di retorica e di demagogia che sgorga dalla politica ufficiale”.

PESI MEDIA:  la marea di soldi che sgorgano nelle tasche di Caruso grazie alla politica ufficiale fa scappare persino l’ipocrisia. E’ troppo anche per lei.





Francesco Caruso il pacifinto

6 02 2007

FRANCESCO CARUSO, deputato di Rifondazione Comunista nonché leader dei no-global napoletani, in merito alla morte del poliziotto Raciti durante gli scontri di Catania: “La morte di un agente vale come quella di un ultrà. La polizia è poco addestrata, sa solo manganellare nel mucchio”.

PESI MEDIA:  la presenza di Caruso in parlamento al contrario non vale nulla e tale no-global pacifinto meriterebbe tante sonore sculacciate sul sedere, date col manganello pesante ovviamente. Così si addestra all’educazione civica.





Dovrete passare sul mio corpo

24 01 2007

FRANCESCO CARUSO, deputato di Rifondazione Comunista ed ex leader dei disobbedienti, sull’ampliamento della base militare di Vicenza: se vogliono allargare la base Usa di Vicenza dovranno passare sui nostri corpi.

PESI MEDIA:  il governo Prodi ha aperto le iscrizioni per arruolare volontari. Si stanno già formando lunghe code fuori da Montecitorio, avvistati anche diversi elettori moderati del centrosinistra armati di pesanti scarponi chiodati.